20/09/2013
LA TARES E' UNA TASSA. UNA TASSA SI PAGA PER UN SERVIZIO...E SE.....?
Carissimi “AMICI” di CerasOLO e non sOLO,

anche se come più volte ho fatto presente il tempo a mia disposizione da dedicare alla Rassegna Stampa è esiguo, molti di voi in questi giorni ci hanno rigirato alcune foto e addirittura ci hanno messo a conoscenza degli importi da pagare riferiti ai propri immobili (avviso di pagamento TARES anno 2013; avviso del 30/08/2013). Non mi sono potuto esimere dallo scrivere queste poche righe soprattutto alla luce del fatto che alcuni a oggi 20/09/13 non hanno ancora ricevuto tale avviso e la maggioranza l’ha ricevuto pochi giorni fa. Il problema, oltre al valore che per alcuni è considerevole rispetto ai tributi dell’anno precedente, è nelle scadenze dei pagamenti della TARES stessa. Il 30 settembre è veramente alle porte e molti di noi devono lottare quotidianamente con questo particolare periodo di congiuntura generale che ha portato al ritorno dell’austerity. Chi ha più dipendenti deve utilizzare gli ammortizzatori sociali, finché ci saranno, per mantenere viva la propria attività; deve ora anche tentare di pagare uno scotto troppo alto con una rata a fine settembre e un preavviso di veramente pochi giorni lavorativi: sarà veramente difficile. Senza dimenticare il saldo da pagarsi già al 30 novembre.

Molti hanno cercato informazioni aggiuntive nel sito del Comune e nei soliti blog corianesi ma sinceramente non hanno avuto nessun riscontro.

Mentre altri si sono recati direttamente al Comune di Coriano che a tutt’oggi sembra programmi un incontro lunedì sera (23/09/13); chiaramente attendiamo l’ufficialità di questa notizia tramite la stampa i prossimi giorni o l’inserimento di tale appuntamento nel portale del Comune e nei blog locali sempre ben informati…

Però a tutt’oggi sembra che i quotidiani ritengano di grande rilievo le casine dell’acqua e le abitazioni etiche. Ma la tassa sulle abitazioni e attività dei Corianesi e non solo forse non è sempre etica…

 

CORRIERE DI RIMINI DEL 20-09-13

CORIANO INAUGURA LA SECONDA CASA DELL'ACQUA

Il sindaco: iniziativa dal successo strepitoso

 

ABITAZIONI ETICHE E RISPETTOSE DELL’AMBIENTE COME SVILUPPARE NUOVE OPPORTUNITA’ DI BUSINESS

Workshop organizzato da Comune e San Patrignano

 

Per ora come al solito abbiamo pubblicato sul portale www.cerasoloausa.net in RASSEGNA STAMPA gli articoli odierni che trovate anche in allegato, ma non mi posso esimere dall’inserire alcuni scatti del tratto di superstrada di Cerasolo Ausa e dell’area vicino al cimitero di Cerasolo. Sono scatti che danno l’idea del servizio che a volte è carente ma anche di alcuni cittadini, non sempre del territorio, con un pessimo senso civico.

Per quanto concerne la Superstrada di San Marino è da più anni che si combatte per un servizio più adeguato collegato ai problemi dei rifiuti di vario genere. Di fatto si è ottenuto dapprima un buon risultato togliendo i cassonetti stessi dal vero e proprio tratto stradale ed inserendoli all’interno delle abitazioni e delle attività evitando gli scempi simili a quelli presenti nella foto del cimitero ma è rimasto il problema delle aree utilizzate quale fermata dei vari bus…infatti alcune foto fanno vedere aree pulite il venerdì ma sporche il lunedì successivo in quanto i fruitori del servizio spesso non avendo dei bidoni idonei purtroppo lasciano le risultanze delle proprie consumazioni, o altro, alla fermata. Addirittura altre fermate sono servite anche con sedute, altre ancora hanno sedie o poltroncine di fortuna ed il problema immondizia è sempre presente. Ricordo che in alcune attività in certi momenti vi sono esercizi ambulanti che permettono l’approvvigionamento di alimenti e non solo di cui le carte o gli involucri rimarranno o presso le fermate o lanciati direttamente all’interno delle attività adiacenti. Spesso il lunedì con la ramazza si deve provvedere individualmente alla pulizia dell’area della fermata e soprattutto delle aree di proprietà adiacenti…il rischio è che una lattina o una bottiglia di vetro possa recare danno magari a un probabile cliente.

Credo sia utile anche all’Amministrazione conoscere queste problematiche che più volte sono state espresse e, per quanto concerne la TARES, la possibilità di rateizzare l’importo sia già un segnale importante. Poi per le valutazioni e i valori di riferimento, viste le esigenze della sopravvivenza dei vari comuni, non posso entrare in merito.

Con la speranza che, come più volte ha fatto, l’Amministrazione riesca a venire incontro ai propri cittadini, porgo i miei saluti scusandomi con coloro di voi dei quali non sono forse riuscito a dare voce come volevate.

 

Gianfranco Soldati


_________________________